Il nuovo “Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza” pubblicato in Gazzetta Ufficiale rivoluziona il contesto normativo in cui operano tutte le aziende, introducendo per la prima volta il concetto di procedure di allerta, di composizione assistita della crisi e trasformando il fallimento in liquidazione giudiziale.

Per questo, tutte le aziende si devono dotare di strumenti per il monitoraggio continuo dei parametri patrimoniali, economici e finanziari dell’azienda e di sistemi di allerta in grado di segnalare anticipatamente eventuali situazioni di deterioramento aziendale.


PANORAMICA DEL SERVIZIO

MODULI


I NUOVI OBBLIGHI

VANTAGGI

La riforma del diritto fallimentare, in particolare, impone a:

  • Imprenditori e organi di amministrazione di dotarsi di strumenti di allerta interna in grado di far emergere tempestivamente eventuali sintomi di crisi per intervenire in anticipo prima che diventi conclamata e, quindi, intervenga una denuncia ad opera dei soggetti abilitati (organi controllo societario, creditori pubblici qualificati). Per l'azienda che si è dotata ed ha attivato il sistema e le procedure di allerta preventiva sono previste delle misure premiali in caso di liquidazione giudiziale (ex-fallimento).
  • Organi di controllo e vigilanza (Collegio sindacale e Revisori) di verificare che il consiglio d’amministrazione si sia dotato di un sistema di allerta interno e che venga utilizzato in maniera costante per monitorare la salute aziendale. L’organo di controllo ha anche il compito di attivare tempestivamente la procedura di allerta quando non lo abbiamo fatto imprenditore o amministratori in caso di fondati indizi di crisi, prima nei confronti del consiglio di amministrazione e, nel caso di inerzia di quest’ultimo, dell'OCRI (Organismo di Composizione della Crisi d'Impresa). Ciò presuppone di verificare costantemente l’equilibrio economico-finanziario, l’andamento della gestione e il monitoraggio del rischio d’insolvenza.


Digital CFO Zucchetti, in estrema semplicità, offre:

  • strumenti operativi di orientamento, controllo e pianificazione finanziaria;
  • l'analisi dei rischi finanziari e della centrale rischi per rilevare comportamenti pregiudizievoli o dannose inesattezze nelle informazioni comunicate dagli intermediari;
  • la verifica e l’ottimizzazione dell'immagine creditizia delle aziende clienti per il mantenimento o l'ottenimento del credito e, al contempo, verificare la bancabilità presso ciascun istituto di credito;
  • la verifica della possibilità di ottenere la controgaranzia del mediocredito centrale;
  • uno strumento di tesoreria che consenta ai clienti di stimare i fabbisogni finanziari e pianificarne la relativa copertura;
  • un sistema di presidio ed allerta interna certificato come previsto dalla legge 155/2017.


Con Digital CFO il monitoraggio dei parametri patrimoniali, economici e finanziari avviene in modo semplice, veloce ed automatico.

E’ sufficiente importare i file in formato PDF della Centrale dei Rischi, i bilanci in e inserire poche informazioni di natura qualitativa dell’azienda. Il software tramite sofisticati algoritmi restituisce in automatico l’analisi finanziaria delle aziende e, in caso di anomalie, le segnala in tempo reale ai clienti tramite un’apposita App per smartphone e tablet.

Ogni analisi è esportabile in formato pdf e certificata attraverso l’apposizione di una firma elettronica con riferimento temporale per eventuali opposizioni in giudizio e in caso di procedure concorsuali.

DIGITAL CFO tiene costantemente in considerazione i criteri del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili al fine di fornire a revisori, commercialisti e sindaci uno strumento sempre aggiornato.